Quinta triennale di arte sacra contemporanea

di T. Carpentieri

Ed è ancora racconto con la “Porta di S. Giovanni Battista” il bozzetto bronzeo del portale della chiesa di Fiesole dedicata a San Giovanni Decollato, opera di Paolo Annibali, nel quale, avvalendosi di un impaginato di grande presa ed efficacia nel rispetto del percorso stesso della storia dell’arte e nell’attuazione di uno sviluppo secondo ritmi particolarmente efficaci, lo scultore costruisce e compone la storia della vita del Battista realizzando un’opera nella quale, strutturati in otto riquadri che giocano sulla profondità, chiusi nella loro geometria con una sorta di cornice costituita da simboli e immagini si alternano gli episodi e le figure che dialogano tra loro, rappresentando in maniera quanto mai sintetica la complessità e la singolarità di questo “santo”, l’unico, dopo Maria, ad essere ricordato dalla liturgia nel giorno della sua morte e della sua nascita. E l’opera manifesta appieno il significato del “Battesimo, porta della fede”, accentuandolo poi nella raffigurazione rappresentata, che senza alcuna difficoltà ci fa tornare alla mente le parole dell’Evangelista Giovanni: “io sono la porta, se uno entra per me sarà salvo” (G.V. 10,9)

Paolo Annibali
Bg {/exp:weblog:entries}